lun, 22 luglio 2024

Notizie in evidenza:

Notizie
Spiritual News
Una start-up finlandese sta rivoluzionando il concetto di "forest bathing" con una nuova app di realtà virtuale. Questa tecnologia innovativa permette agli utenti di immergersi in foreste virtuali accuratamente ricreate, complete di suoni della natura e aromi simulati. L'app, sviluppata in collaborazione con psicologi ambientali e esperti di silvicoltura, mira a portare i benefici della natura a chi vive in aree urbane o ha mobilità limitata. Gli utenti possono scegliere tra diversi tipi di foreste, dalle conifere nordiche alle foreste pluviali tropicali, e seguire sessioni guidate di meditazione e respirazione. La piattaforma offre anche esperienze interattive, come la raccolta virtuale di funghi o l'osservazione della fauna selvatica, aumentando il coinvolgimento e l'immersione degli utenti. Inoltre, l'app include una funzione di tracciamento del benessere, che permette agli utenti di monitorare i loro progressi nel tempo e personalizzare le loro esperienze in base alle proprie esigenze. Studi preliminari suggeriscono che queste esperienze virtuali possono ridurre lo stress e migliorare il benessere mentale, anche se non sostituiscono completamente il contatto reale con la natura. Alcuni ospedali e centri di riabilitazione stanno già sperimentando l'uso di questa tecnologia come complemento alle terapie tradizionali, con risultati promettenti nel recupero post-operatorio e nella gestione dell'ansia.
Pubblicazioni e Saggi
Paolo D’Arpini – Rete Bioregionale Italiana
La felicità di esistere è connaturata nell’esistenza. Se la vita non fosse espressione della gioia mai sarebbe potuta sorgere dalla materia inerte. E’ evidente quindi che questo stato primario sia sempre presente nella nostra coscienza. Ed infatti l’uomo, malgrado si sia lasciato andare all’illusione dell’accumulo e del possesso, dell’ “avere”, come diceva Fromm, non può cancellare in sé l’anelito che lo riporta sempre verso l’ “essere”. Secondo il filone neo-naturalista, dell’ecologia profonda e del bioregionalismo, questo anelito si manifesta in quei modi che richiamano alla “semplicità di vita”: il ritorno alla terra, la decrescita felice, la riscoperta della bellezza della natura, etc. Il ragionamento speculativo, nel corso dei secoli ha fatto sì che l’uomo si allontanasse da se stesso e dall’ambiente in cui vive, rinunciando alla spontaneità ed alla fantasia, per cercare modi ragionati tesi all’ottenimento di beni materiali. In conseguenza di ciò, per tacitare la coscienza ovvero la memoria del suo vero io, si è inventato forme costruite di condivisione e compartecipazione. Una di queste forme -sicuramente deleteria per la sua artificiosità – è l’etica. L’etica infatti appartiene al ragionamento e quindi al cervello logico mentre la felicità è connaturata nell’inconscio, quindi fa parte del cervello analogico. L’Uomo, come tutti gli altri animali è felice di vivere per sua propria natura.. Vediamo cosa dicono i recenti studi scientifici basati su tecnologie, dette ‘Brain imaging’, che permettono di vedere quali parti del cervello si mettono in funzione maggiormente durante certi pensieri, parole e azioni. Da queste ‘mappe del cervello’ risulta che il pensiero razionale e il linguaggio attivano nella maggior parte dei casi l’emisfero sinistro, che e’ simile a un computer, in quanto accumula i dati delle esperienze in memoria e li ripete su richiesta. La parte destra del cervello e’ attivata dalla musica, dal linguaggio non-verbale, che è fatto di intonazioni della voce, sguardi, gesti, mimica facciale, ecc. e dalla creatività, che è la combinazione originale di elementi presenti in natura… Purtroppo nella società moderna, soprattutto in seguito al predominio della scienza razionalista (ed ella cultura maschilista) ha preso il sopravvento la parte giudicativa della mente, da qui il grande passo avanti delle religioni monoteiste, della arroganza dell’uso nei confronti delle altre creature e della natura. In tal senso è illuminate la lettura de “Il Limite dell’Utile” di Bataille. Ma ad una prima analisi superficiale appare strano che anche il così detto “animalismo” e “veganesimo” facciano parte di un ragionamento. A dire il vero, malgrado si pongono in opposizione (apparente) con la sopraffazione maschilista e patriarcale, in realtà ne sono un contraltare paritario. Da una parte si opprime considerandolo un proprio diritto e dall’altra si difende in considerazione della propria “superiorità” ideologica (etica). Nel Hua Hu Ching è detto: “Agli altri esseri comuni spesso si richiede tolleranza. Per gli esseri integrali non esiste una cosa come la tolleranza, perché non esiste nessuna cosa come le altre. Essi hanno rinunciato a tutte le idee di individualità e ampliato la loro buona volontà senza pregiudizi in qualunque direzione. Non odiando, non resistendo, non contestando. Amare, odiare, avere aspettative: tutti questi sono attaccamenti. L’attaccamento impedisce la crescita del proprio vero essere. Pertanto l’essere integrale non è attaccato a nulla e può relazionarsi a tutti con una attitudine non strutturata.” Nel taoismo, che non è propriamente una religione e nemmeno una filosofia, ma una forma di naturalismo vissuto senza enfasi, si indica l’astenersi dagli eccessi, sia in positivo che in negativo, come un naturale atteggiamento di vita. Si comprende il bene ed il male ma non si predilige né l’uno né l’altro. Il bene (yang) ed il male (Yin) sono i due aspetti del manifestarsi della esistenza su questa terra. Ed è per questa ragione che i taoisti irridevano il buon Confucio che da razionalista convinto spingeva per un’etica sociale e politica, mentre essi si limitavano a permanere nella propria natura originale. Rispettando le propensioni naturali, non acquisite quindi per convenienza utilitaristica…. La felicità è la nostra vera natura, affermava Osho, e la ricerca della felicità è un modo per oscurarla e nasconderla. Infatti in un antico proverbio popolare è detto “Il meglio è nemico del bene”…, poiché perseguendo l’ipotetico meglio non si vive il bene che è a portata di mano. Prova ne sia anche a livello legislativo la continua immissione di leggi nella società che non fanno altro che rendere la giustizia sempre più cavillosa ed impraticabile. Forse andrebbe recuperato il fantastico ed il poetico anche nella nostra vita sociale e produttiva. Quella poeticità, che nel mondo antico caratterizza la forma dell’interrogarsi dell’uomo sul reale e sul senso delle proprie esperienze, è spia significativa di una ORIGINARIA CONCORDIA tra una spontanea accettazione dell’altro (non semplicemente etica) e la felicità innata che con la razionalità finisce con l’essere dimenticata. Occorre superare il distacco che ha portato quasi a naturalizzare il conflitto tra poesia e retorica, e ciò senza voler efficientemente promuovere ed affermare e ri-pensare la verità della gioia in quanto risultato di una concezione “etica”. “L’uomo che non voglia far parte della massa non ha che da smettere di essere accomodante con se stesso; segua piuttosto la propria coscienza che gli grida: ’sii te stesso! Tu non sei certo ciò che fai, pensi e desideri ora’. Ogni giovane anima sente giorno e notte questo appello e ne trema; infatti presagisce, rivolgendo il pensiero alla sua reale liberazione, la misura di felicità destinata dall’eternità; felicità che non riuscirà mai a raggiungere se incatenata dalle opinioni e dalla paura. E quanto assurda e desolata può divenire l’esistenza senza questa liberazione! Nella natura non c’è creatura più vuota e ripugnante dell’uomo che è sfuggito al suo genio e ora volge di soppiatto lo sguardo a destra e a sinistra, indietro e ovunque. Un tale uomo alla fine non lo si può neppure attaccare: è solo esteriorità senza nucleo, un marcio costume, pitturato e rigonfio, un fantasma agghindato che non può ispirare paura e tanto meno compassione.” (Friedrich Nietzsche) Paolo D’Arpini – Rete Bioregionale Italiana
Notizie
Spiritual News
Il grano saraceno, noto anche come "fagopiro", sta vivendo una rinascita in tutta Europa, in particolare nei paesi dell'Est. Questo "pseudo-cereale" senza glutine, ricco di proteine e antiossidanti, sta guadagnando popolarità non solo tra chi segue diete senza glutine, ma anche tra chi cerca alternative nutrizionali più sostenibili. In Polonia e Ucraina, tradizionali produttori di grano saraceno, si sta assistendo a un boom di coltivazioni biologiche. Ristoranti gourmet in città come Berlino e Parigi stanno riscoprendo questo ingrediente versatile, incorporandolo in piatti innovativi che vanno oltre la tradizionale polenta. Nutrizionisti lodano il grano saraceno per il suo basso indice glicemico e il suo contenuto di rutina, un flavonoide benefico per la circolazione sanguigna. La versatilità del grano saraceno si estende anche al settore dei prodotti da forno, con panetterie artigianali che sperimentano pani e dolci a base di farina di grano saraceno. Inoltre, la bevanda di grano saraceno sta emergendo come una nuova alternativa vegetale al latte, apprezzata per il suo sapore unico e le sue proprietà nutrizionali. Questa rinascita sta anche stimolando la ricerca agronomica, con scienziati che studiano varietà di grano saraceno più resistenti e produttive, adatte alle diverse condizioni climatiche europee.

Vetrina Profili Pubblici:

Profilo Pubblico
Meditazione
Il mio nome completo in sanscrito è Swami Bodhi Vipal che significa “Momento di consapevolezza”. Mi è stato donato da OSHO, Maestro di…
Appuntamenti e corsi:3
Siti web:1
Video:5
Pubblicazioni:3
Profilo Pubblico
Vibrazionali - Energetiche, Tecniche
Tiziano Bussolotto ideatore della tecnica Athos Operatore Olistico Trainer SIAF ITALIA n. LO791T-OP Professionista disciplinato ai sensi…
Appuntamenti e corsi:2
Siti web:0
Video:0
Pubblicazioni:0
Profilo Pubblico
Counseling
Daya Eliana Rota, counselor, naturopata, scrittrice, Teacher training, ideatrice del metodo Equus una vita che cambia® ed Horse Life…
Appuntamenti e corsi:2
Siti web:0
Video:5
Pubblicazioni:0
Profilo Pubblico
Shamanesimo
Selene Calloni Williams, è autrice di 28 libri tradotti e pubblicati in diverse lingue, tra i quali i best seller “Wabi Sabi, la bellezza…
Appuntamenti e corsi:1
Siti web:0
Video:18
Pubblicazioni:11
Profilo Pubblico
Varie, Argomenti diversi
La nostra associazione mette un focus sulla Creatività quale metodo di approccio a varie discipline, in un ottica olistica che le riunisca,…
Appuntamenti e corsi:4
Siti web:1
Video:4
Pubblicazioni:8
Profilo Pubblico
Reiki
La scuola ilReiki nasce per formare al Reiki, per imparare l’ascolto di sé stessi, per formarsi al servizio degli altri, per avvicinarsi con…
Appuntamenti e corsi:1
Siti web:0
Video:2
Pubblicazioni:1
Profilo Pubblico
Pranoterapia, Pranopratica
Soul Trainer - Pranoterapeuta - Shadow Worker. Sono pranoterapeuta, cristalloterapeuta, sciamana, tarologa… ma uso anche tecnologie di…
Appuntamenti e corsi:3
Siti web:1
Video:4
Pubblicazioni:0
Profilo Pubblico
Counseling
Counselor Hypnotherapist - Life Coach - Esperta di tecnologie del cambiamento personale. Fondatrice della nuova Morfofisiognomica e del…
Appuntamenti e corsi:1
Siti web:1
Video:2
Pubblicazioni:3

Categorie Siti Web:

Mappa Categorie

Informazione:

Pubblicazioni e Saggi

Sopravvivenza (ecologicamente) non garantita…

Paolo D’Arpini – Rete Bioregionale Italiana
Tutto molto divertente, se si considera che la crisi mondiale è nient’altro che un gioco di risiko o monopoli, basato sui pezzetti di carta, anche se le conseguenze possono essere disastrose per parecchi. A volte ci si identifica con il denaro sino al punto di credere che avere denaro o non averlo è ragione sufficiente per vivere o morire…. Per fortuna l’esistenza è fatta di cose semplici e tutto sommato accessibili a tutti i viventi: cibo, aria, acqua, soddisfazione dei bisogni fisiologici, riparo, socializzazione, procreazione… Ma in questo momento storico la virtualizzazione ha raggiunto livelli altissimi di astrazione dal vissuto quotidiano e dalle reali necessità. La vita è diventata quasi un grande ”game” alla Nirvana. Quando arriverà la Grande Crisi, quella finale? La dura realtà, fatta di cose concrete, spazzerà infine le nebbie dell’immaginario e del sogno ad occhi aperti. Politica, finanza, potere, ricchezza… tutta immondizia più sporca di quella che si accumula nelle strade di Napoli, di Calcutta, del Cairo, di Buenos Aires, di New York… e persino del paesello sui monti. Vengo al dunque, in questo momento si parla molto dell’imminente crollo sociale ed economico mondiale e di come poter risolvere i problemi della produzione alimentare ed energetica, funzionale al mantenimento della struttura tecnologica in cui la nostra civiltà sguazza e sprofonda. Sabbie mobili. Viviamo con la paura di sprofondare e siamo già con l’acqua alla gola, quindi tutto ciò che facciamo peggiora soltanto la situazione. Ed allora lasciamo che le cose vadano come debbono andare… proviamo a “galleggiare nella mota” se ci riesce… Però mi voglio divertire a riepilogare, attraverso alcuni brevi stralci, gli elementi parossistici che contraddistinguono la situazione in cui viviamo: “L’etica pubblica è il più grande problema dell’Italia e dovrebbe comprendere anche la laicità, i diritti civili e le libertà individuali. Purtroppo non è così, perché la corruzione parte dall’alto, dai governanti alla chiesa cattolica che sperano di uscire impunemente dalle tante malefatte grazie a leggi confuse abilmente costruite. Il rimedio sta proprio nell’etica pubblica e nel superamento della politica sporca non solo italiana ma internazionale..” (Peter Boom) “Si continua a spingere il dibattito verso la crisi economica mentre il vero problema è l’esaurimento delle risorse, in particolare del petrolio visto non solo come carburante ma soprattutto come materia prima per la produzione di presidi chimici e beni di consumo. Una visione più ampia suggerisce un cambiamento di rotta: la realizzazione di tutti i composti e i derivati del petrolio con le materie prime vegetali, scelta che rappresenta il piano strategico per un mondo senza rifiuti…” (Benito Castorina) “Per mantenere il livello di parassitismo burocratico-amministrativo in Italia la pressione fiscale ha ormai quasi raggiunto il 70%, la più alta in assoluto al mondo, così come siamo ai vertici mondiali della corruzione e dell’inefficienza della giustizia, e poi si pretenderebbe di attrarre investitori dall’estero e di disporre di credibilità nella collocazione dei titoli di stato, che sono carta straccia… (Claudio Martinotti) “In un quadro come l’attuale le cose vanno molto a rilento. La nostra abilità dovrebbe consistere nel seguire con attenzione e col microscopio elettronico le mosse e le contromosse di tutti gli attori del quadro. Con le posizioni drastiche non si arriva a nulla. Vedi come si sono mossi i nostri “amici” ora che diventa sempre più impellente arrivare al dunque per il controllo energetico!” (Giorgio Vitali) “Il contesto “Italia” mi offre questo…giustamente compare allora il parametro della “scelta”: se qui non va, si cambia….. Ma anche questo “è giusto”? E aggiungo: il termine “Giusto” merita ancora di far parte del vocabolario della lingua italiana? Sicuramente no!! E’ un termine che finirà nel dimenticatoio, in una cantina piena di ragnatele, dove forse potremo collocare tutta quella meravigliosa “storia” che ci rende gli abitanti di una “nazione” costruita, un tempo, su basi solide e “sacre” e ora “vittima” della “risatina” sarcastica di chi ha giocato con l’amicizia e la fiducia di “gente comune”, che sta serrando i pugni in una smorfia di dolore e rabbia!” (Antonella Pedicelli) Insomma… La nostra civiltà è agli sgoccioli, dedita al solo sviluppo di armi sempre più distruttive, e possiamo aspettarci solo il suo crollo ignominioso e generale. Un tracollo annunciato e temuto e persino auspicato… ed infatti da più parti si preconizza la fine del sistema come evento liberatorio, per la natura e per la vita in generale. Non voglio far la parte del catastrofista ma vi consiglio di cominciare attivamente a trovare soluzioni alternative, basate sulla personale conoscenza ed esperienza “pratica” di ognuno per affrontare i rischi a venire. E buon divertimento nella “sopravvivenza”. Paolo D’Arpini – Rete Bioregionale Italiana
Libri, CD, DVD

Il Pensiero nell'Uomo e nel Mondo

Rudolf Steiner
Testo originale tedesco: Der Gedanke im Menschen und im Weltall (Archiati Verlag e K., Bad Liebenzell) Quattro conferenze tenute a Berlino dal 20 al 23 gennaio 1914 - Anche in O.O. 151 Traduzione di Giusi Graziuso e Pietro Archiati [...] Le presenti conferenze vertono sulla ricerca della verità. Sempre più esseri umani, oggi, si considerano sostenitori illuminati della tolleranza e giudicano intolleranti coloro che affermano l'esistenza di una verità oggettiva, valida e definitiva per tutti. Però vi sono anche coloro i quali osservano rigidamente i dogmi della tradizione, o che sulla base di poche scarse astrazioni ritengono di aver trovato la verità definitiva. Queste conferenze spiegano che è possibile evitare da un lato il rigido dogmatismo, dall'altro il misero relativismo. Esse descrivono lo sviluppo interiore attraverso cui l'uomo supera entrambi gli estremi, intuendone la loro povertà spirituale: la povertà del dogmatico è il difetto dell'unilateralità, che consiste nel vedere solamente alcuni elementi della realtà, generalizzandoli. La povertà ancora più misera del relativista è quella di ritenere assolutamente vero un solo dogma, è cioè che niente è vero in assoluto. E come si trova quella ricchezza che fa superare ogni povertà? La vita si arricchisce se l’uomo, nell'anelare alla totalità, diventa un instancabile ricercatore della verità. A ciò è sufficiente, in fondo, la convinzione che ciascuna singola cosa o fenomeno – per non parlare della totalità del mondo – sia inesauribile e che, se osservata dai fronti più diversi, sia sperimentabile nei modi più svariati. [...] Pietro Archiati (dalla prefazione) 1ª conferenza L'uomo senza pensieri - Berlino, 20 gennaio 1914 2ª conferenza Dodici percezioni del mondo a pari diritto - Berlino, 21 gennaio 1914 3ª conferenza Sette disposizioni dell'anima - Berlino, 22 gennaio 1914 4ª conferenza Ogni uomo è un pensiero dell'universo - Berlino, 23 gennaio 1914


Spiritual è il primo motore di ricerca spirituale e olistica in Italia e discipline olistiche, punto di riferimento per lo studio, la ricerca e il confronto interiore e spirituale, propone notizie, recensioni su nuovi libri e pubblicazioni olistiche, appuntamenti e corsi.


Corsi yoga, corsi reiki, corsi meditazione, meditazione trascendentale, meditazione vipassana, Corsi di Hatha Yoga, Tantra, Cinque Tibetani, Yoga Nidra, Vinyasa, Corsi Shiatsu, corsi per massaggi, corsi per respirazione, corsi per Osteopatia, corsi per Chiropratica, corsi per Cranio Sacrale, corsi riflessologia, Corso Chakra Balancing, appuntamenti, convegni, conferenze.

Alimentazione Naturale  Spiritualità e New Age  Medicina e Discipline Bio Naturali  Buddismo  Ambiente e Natura  Cristianesimo  Pratiche Spirituali  Ebraismo  Psicologia, Educazione e Formazione  Induismo  Libri, Librerie  Islam  Astrologia  Altre religioni  Divinazione e Numerologia  Maestri Occidentali, Gruppi  Sensitivi, Spiriti-Guida, Medium  Maestri Orientali, Comunità  Oggettistica e Prodotti  Esoterismo  Cultura, Storia, Documenti  Informazione, TV e Radio  Arte e spiritualità  Viaggi, Vacanze, Ospitalità  Miscellanea  No Profit Volontariato Etico 
.

© 1998-2024 Spiritual - Tutti i diritti sono riservati. Spiritual® e Spiritual Search® sono marchi registrati. La riproduzione anche parziale dei contenuti di Spiritual è vietata. Spiritual non è in alcun modo responsabile dei contenuti inseriti dagli utenti, né del contenuto dei siti ad essi collegati.
Società editrice: Gruppo 4 s.r.l. Codice Fiscale, Partita IVA, Reg. Imp. PD 02709800284 - IT - E.U.
E-mail: informa@spiritual.it

Engineered by Gruppo 4 s.r.l.