ven, 03 dicembre 2021

Proposta di carcere auto-gestito

Proposta a Matteo Renzi una riforma carceraria che prevede l’auto-gestione degli istituti di pena da parte dei detenuti stessi

Carcere Auto-Gestito
Al Presidente del Consiglio – Al Ministro della Giustizia – Alle Commissioni Parlamentari Preposte


Il sottoscritto firmatario, in considerazione delle condizioni pessime in cui versano i detenuti e del costo altissimo sostenuto dalla comunità nel mantenimento degli attuali Istituti carcerari, invita gli Organi dello Stato, le Camere e le Commissioni Parlamentari preposte a intraprendere un esperimento di riorganizzazione carceraria che sia realmente educativo e induttivo al pieno reinserimento sociale dei sottoposti al carcere.


A tal fine il sottoscritto propone un modello di carcere basato sulla auto-conduzione da parte dei detenuti, affiancati da volontari laici non stipendiati e con gli stessi poteri dei carcerati e conviventi stabilmente negli Istituti rieducativi stessi.


Il modello suggerito è quello di un “carcere-comunità” in cui i membri volontariamente accettano di seguire questa metodologia e possono gestire la struttura e provvedere al suo mantenimento sia economicamente che regolamentariamente, scegliendo lo svolgimento di un lavoro autonomo od organizzato collegialmente all’interno della struttura stessa. Un sistema carcerario cooperativo che prevede la produzione in proprio di beni, cibo, opere d’arte, oggetti e suppellettili scambiabili o commercializzabili liberamente, sia all’interno che all’esterno, come pure la possibilità di eseguire prestazioni d’opera per conto terzi. I membri lavoratori di questo carcere modello rinunciano ad ogni rimessa in denaro (da parenti od amici) prevista dall’attuale regolamento carcerario e si impegnano quindi a vivere unicamente del proprio lavoro, gestendo inoltre anche la mensa ed i vari altri servizi interni.


Gli addetti al controllo (le attuali guardie carcerarie) saranno ubicati all’esterno dell’Istituto ed avranno la funzione di impedire l’uscita (o l’entrata) non consentita dal perimetro carcerario e di svolgere quegli interventi che si rendessero necessari in casi di emergenza. Si consiglia che un siffatto carcere modello possa sorgere in zone disabitate ove sia possibile occuparsi di agricoltura, pastorizia o simili attività. Si consiglia inoltre che tale esperimento si effettui inizialmente per quei condannati non recidivi, naturalmente sensibili a questo metodo edificante, lasciando però la possibilità anche nei penitenziari (riservati ai detenuti recidivi) di giungere all’autogestione, ove le condizioni generali lo consentano.


Il sottoscritto ritiene che questa proposta innovativa, oltre che portare vantaggi alla società ed alle casse dello Stato e garantire dignità umana ai detenuti, sia portatrice di Civiltà, Emendamento e Compassione.

Paolo D’Arpini, Circolo Vegetariano VV.TT.

Il 20 giugno inizia l’Incontro Collettivo Ecologista 2015, che si tiene a Montecorone di Zocca nel podere di Pietro Rossi in Via Ca’ Lamari.

Ve ne ho già parlato in diversi articoli (https://www.google.it/search?rls=aso&client=gmail&q=incontro+collettivo+ecologista+2015+montecorone+paolo+d%27arpini&gws_rd=cr&ei=7sWDVfjOH4SvswGZmIHICA) e siete ormai a conoscenza dei vari temi che andremo a discutere, dall’agricoltura contadina alla solidarietà economica, dal rapporto uomo natura animali alla spiritualità laica, etc. Quest’anno si aggiunge un tema di carattere sociale, quello del sistema di rieducazione e della pena carceraria.

L’occasione per discuterne è la venuta all’incontro di Karl Guillen, uno scrittore americano che ha avuto una triste esperienza con il carcere e che è però riuscito a salvare la sua mente ed il suo cuore dalle tendenze distruttive che vengono assorbite nei penitenziari degli USA. Egli ci parlerà, durante gli sharing del 20 e 21 giugno, della sua esperienza e della necessità di abolire la pena di morte e rendere più umana e socialmente utile la detenzione (http://www.pressenza.com/it/2015/06/a-pistoia-contro-la-pena-di-morte-e-lergastolo/).

A questo proposito ho pensato di reiterare la nostra proposta, presentata a diversi governi italiani del passato (ma sinora non presa in considerazione, per ovvie ragioni di interesse di parte e mancanza di lungimiranza), proponendola anche al governo di Matteo Renzi. Si tratta del “carcere auto-gestito” dai detenuti stessi, in forma comunitaria e solidale.

Infatti il dramma dei suicidi, del superaffollamento, del malfunzionamento e costo del sistema penitenziario in Italia sta dimostrando vieppiù che è necessario un cambiamento radicale nella gestione del delitto/pena.

Scheda dettagli:

Data: 19 giugno 2015Autore: Paolo D’Arpini
Fonte/Casa Editrice: Paolo D'Arpini

Commenti:

Profilo Pubblico di:

Paolo D’Arpini - Circolo vegetariano VV.TT.

Nella mia vita non ho mai avuto un dono spiccato per la modestia, ho sempre considerato me stesso e la mia opera come un degno percorso evolutivo. Abitando a Verona avevo già collaborato, nel 1967-68, ad una rivista locale che si chiamava Verona Beat, un cult tipico di quegli anni, ebbi la fortuna…

Vegetariani
Appuntamenti e corsi:0
Siti web:0
Video:0
Pubblicazioni:437

Dello stesso autore: 

© 1998-2021 Spiritual - Tutti i diritti sono riservati. Spiritual® e Spiritual Search® sono marchi registrati. La riproduzione anche parziale dei contenuti di Spiritual è vietata. Spiritual non è in alcun modo responsabile dei contenuti inseriti dagli utenti, né del contenuto dei siti ad essi collegati.
Società editrice: Gruppo 4 s.r.l. Codice Fiscale, Partita IVA, Reg. Imp. PD 02709800284 - IT - E.U.
E-mail: informa@spiritual.it