mar, 27 luglio 2021

Bioregionalismo: animali autoctoni e animali allogeni - La caccia non risolve il problema dei cinghiali caucasici in aumento

cinghiali-1
Mentre si avvicina la data del referendum per l'abolizione della caccia * le due opposte fazioni, quella degli animalisti e quella dei cacciatori e agricoltori, si fronteggiano con argomenti avversi sui pro e suoi contro. L'argomento principale causa del contrasto è lo spropositato numero di animali allogeni che invadono le campagne. "Gli animali hanno sofferto abbastanza per gli incendi e per la siccità", dicono i primi, "ma si sono fatti più arditi proprio a causa di ciò e si avvicinano sempre più agli abitati in cerca di cibo, soprattutto i cinghiali", dicono i secondi.

I cinghiali caucasici, in verità, non hanno nemici naturali. In Russia ci sono orsi e lupi ma qui in Italia gli unici competitori sono i cacciatori (e molto probabilmente loro stessi li hanno immessi di straforo nell'ambiente per procacciarsi più carne). Il fatto è che i piccoli cinghiali autoctoni in seguito all'invasione dei caucasici sono praticamente scomparsi dal suolo italico. Sparute colonie resistono solo sui monti della Tolfa, si dice...

Tempo addietro avevo proposto di fare delle battute congiunte, cacciatori ed animalisti, per sparare con aghi al sonnifero ai maschi in eccesso e provvedere alla loro sterilizzazione, ma la proposta non è piaciuta... Evidentemente con questo sistema ci sarebbe poco da "guadagnare".

Ma a proposito di cinghiali ne avrei abbastanza di storie da raccontare, sufficienti per scrivere un libro di memorie, e magari vincere anche il Premio Pieve (per i racconti e diari personali), mi fermerò però ad alcune piccole dissacrazioni. Tanto per cominciare dirò che gli ultimi anni trascorsi a Calcata li ho vissuti in stretta vicinanza con i facoceri.

Arrivavano a pochi metri dalla mia casupola sulla valle e i loro grugniti gioiosi, mentre si satollavano con la merda della fogna a cielo aperto, "allietavano" il mio riposo. Inoltre, nel famoso Tempio della Spiritualità della Natura, li avevo anche come compagni di meditazione. Anzi avevano scelto il luogo per accasarsi in modo definitivo, occupando belle grotticelle e mangiando ogni ben di Dio che cresceva nell’orto…. Le recinzioni erano ormai una rete sbrindellata, gli ingressi divelti, il terreno ben scavato, etc.

Altro che difese e turni di guardia, meglio non farsi vedere soprattutto durante le ore notturne per evitare brutti incontri. Le reti elettrificate? Impossibile montarle a causa della perimetrazione difficile del luogo, tutto rupi e strapiombi. I bestioni, cinghiali caucasici da cento chili ed oltre, avevano inoltre imparato dove trovare cibo in abbondanza, estate ed inverno, e senza fatica, infatti nei pressi del loro santuario (parlo sempre del Tempio ovviamente) c’erano i secchioni RSU traboccanti di delizie… Il cinghiale campa bene ed a lungo rovistando e raccogliendo quel che trova senza fatica attorno ai bidoni, chili e chili di cibo buono adatto al suo sostentamento.

I secchioni erano sempre strapieni di rimasugli gustosi. E gli unici altri concorrenti erano i gatti randagi e qualche cane sfigato. Ma nessun timore di carestie, ogni sabato e domenica c’erano quei due o trecento turisti che contribuivano a creare ricchezza aggiunta (leggasi rifiuti) e che portavano (magari ancora portano, non so) denaro sufficiente al mantenimento del “teatrino Calcata” e del popolo dei cinghiali.

Ma nel 2006 ci fu anche un incidente abbastanza grave. Venne a trovarmi un amico di Torino, Claudio, che avendo frequentato il parco del Treia negli anni precedenti, senza alcun pericolo, non era al corrente dell'invasione dei cinghiali e durante una passeggiata serale, fu rincorso da diversi maschi inferociti che accompagnano le scrofe con i loro piccoli, non trovò di meglio che rifugiarsi giù nel Treja, dove scivolando sui sassi vischiosi si ruppe varie costole ed altro ancora, non potendo quindi più muoversi rimase bloccato nell'acqua gelida per diverse ore. Ricordo la conseguente fortunosa avventura di salvataggio notturna con torce elettriche, carabinieri, volontari, happenigs, candele e moccoli sul ponte, paure e preoccupazioni e bevute consolatorie, ed infine quando lo trovai dovette sorbirsi anche i rimbrotti da parte mia per la sua imbranatura. Non bisogna mai lasciarsi sopraffare dalla paura, gli dissi, meglio restare fermi e battere le mani.

Dopo l'incidente seguirono articoli sui giornali, litigata con Moretti (l'allora referente della Rete Bioregionale Italiana che diceva che i cinghiali avevano fatto bene visto che loro erano selvatici mentre Claudio era un cittadino), proteste al parco del Treja per l’inagibilità dei sentieri causati dalle orde di cinghiali non autoctoni proditoriamente immesivi, litigate con gli animalisti, etc. etc.

Insomma una bella caciarata, come è consono per uno come me.

Paolo D'Arpini





* - I referendum contro la caccia sono TRE :

1) abrogazione dell'art. 842 (di Ora Rispetto per Tutti gli Animali) che concede ai cacciatori di entrare armati e sparare anche all'interno delle proprietà private.

2) Modifica della 157/92 (di Ora Rispetto per Tutti gli Animali): chiede l'abrogazione della caccia ludica e sportiva, lasciando in piedi gli articoli a protezione della fauna selvatica e gli abbattimenti selettivi da parte dello Stato.

3) Modifica della 157/92 (del Comitato Sì Aboliamo la Caccia): chiede l'abrogazione totale della caccia in Italia, inclusi gli abbattimenti selettivi da parte dello Stato.

Pare che esista una norma vincolante dell'UE, che impedisce di abrogare gli abbattimenti selettivi qualora venga abrogata la caccia ludica e sportiva, per cui, anche se tutti vorremmo cancellare la caccia a 360° dalla faccia della terra, è bene che si siano depositati più quesiti: uno più restrittivo, l'altro meno, perché se raggiungeremo le 500mila firme, almeno uno di questi possa essere ammesso alla Corte Costituzionale e arrivare al voto a giugno del 2022.

La raccolta firme terminerà il 30 di settembre; abbiamo ormai poco più di due mesi per raggiungere questo traguardo e dalla fine di questa settimana tutti e tre i referendum dovrebbero essere agli atti presso i comuni di tutta Italia.

Scheda dettagli:

Data: 20 luglio 2021Autore: Paolo D'Arpini
Fonte/Casa Editrice: Fonte: https://bioregionalismo-treia.blogspot.com /2021/07/bioregionalismo-animali-autoctoni-e.html

Commenti:

Profilo Pubblico di:

Paolo D’Arpini - Circolo vegetariano VV.TT.

Nella mia vita non ho mai avuto un dono spiccato per la modestia, ho sempre considerato me stesso e la mia opera come un degno percorso evolutivo. Abitando a Verona avevo già collaborato, nel 1967-68, ad una rivista locale che si chiamava Verona Beat, un cult tipico di quegli anni, ebbi la fortuna…

Vegetariani
Appuntamenti e corsi:0
Siti web:0
Video:0
Pubblicazioni:411

Dello stesso autore: 

© 1998-2021 Spiritual - Tutti i diritti sono riservati. Spiritual® e Spiritual Search® sono marchi registrati. La riproduzione anche parziale dei contenuti di Spiritual è vietata. Spiritual non è in alcun modo responsabile dei contenuti inseriti dagli utenti, né del contenuto dei siti ad essi collegati.
Società editrice: Gruppo 4 s.r.l. Codice Fiscale, Partita IVA, Reg. Imp. PD 02709800284 - IT - E.U.
E-mail: informa@spiritual.it