gio, 06 ottobre 2022

Notizie

Le foto, i ricordi

a23.9.22.jpg
Scattare una foto a qualcosa può peggiorare invece che migliorare la nostra capacità di ricordare. E’ stata Linda Henkel la prima a indagare su questo effetto di deficit mnemonico provocato dalle fotografie, nel 2014. Da allora sono stati condotti molti studi che hanno confermato questa idea.
In un nuovo studio pubblicato sul Psychonomic Bulletin and Review, Julia S. Shares della Mississippi State University e Benjamin C. Storm dell’UC Santa Cruz riferiscono le scoperte fatte con tre esperimenti condotti in laboratorio su un totale di 400 partecipanti.
In tutti e tre gli studi i ricercatori hanno riscontrato che scattare diverse foto impatta negativamente sulla memoria, anche se non è risultato chiaro se scattarne molte sia peggio che farne una sola. I risultati “confermano l’evidenza dell’effetto negativo sulla memoria del fare fotografie”, come hanno scritto.
Non è chiaro il meccanismo per cui ciò avvenga. Una delle ipotesi è che quando puntiamo l’obiettivo su qualcosa, deleghiamo ad altro il compito di immagazzinare l’immagine. Un’altra è che quando fotografiamo qualcosa ci sganciamo psicologicamente a qualunque cosa stiamo osservando, cosa che ce ne restituisce poca memoria.

Photo: SN

Scheda dettagli:

Data: 23 settembre 2022
Fonte/Casa Editrice: Spiritual News

© 1998-2022 Spiritual - Tutti i diritti sono riservati. Spiritual® e Spiritual Search® sono marchi registrati. La riproduzione anche parziale dei contenuti di Spiritual è vietata. Spiritual non è in alcun modo responsabile dei contenuti inseriti dagli utenti, né del contenuto dei siti ad essi collegati.
Società editrice: Gruppo 4 s.r.l. Codice Fiscale, Partita IVA, Reg. Imp. PD 02709800284 - IT - E.U.
E-mail: informa@spiritual.it