sab, 16 febbraio 2019

Notizie

Il bullismo e il cervello

a18.1.19.jpg
Secondo un nuovo studio pubblicato dalla rivista Molecular Psychiatry, gli atti di bullismo ripetuti nel tempo possono portare a deformazioni strutturali nel cervello delle vittime adolescenti.
Per molti bambini e teenager il bullismo è causa di problemi in età adulta, tra cui malattie mentali a lungo termine. Ma nonostante la consapevolezza di questi rischi, il nesso biologico tra bullismo e lo sviluppo successivo di depressione e ansia è ancora largamente inesplorato.
Secondo gli autori, lo studio è il primo a occuparsi di come la forma stessa del cervello possa essere alterata da esperienze negative di quel tipo. I ricercatori hanno infatti scoperto che alcune regioni specifiche del cervello di una parte dei partecipanti all’indagine si era significativamente ridotta in seguito ad atti gravi di bulismo subiti nel tempo. Le regioni in questione sono coinvolte nei processi comportamentali come lo sviluppo della sensibilità, la soglia di attenzione, l’elaborazione emozionale.
Il degrado di queste aree in un momento fondamentale della formazione di una persona giovane, quando il cervello cresce e matura, può spiegare gli alti livelli di ansia riscontrati nei diciannovenni che abbiano sofferto per lungo tempo di bullismo.

Photo: Spiritual

Scheda dettagli:

Data: 18 gennaio 2019
Fonte/Casa Editrice: Spiritual News

Commenti:

© 1998-2019 Spiritual - Tutti i diritti sono riservati. Spiritual® e Spiritual Search® sono marchi registrati. La riproduzione anche parziale dei contenuti di Spiritual è vietata. Spiritual non è in alcun modo responsabile dei contenuti inseriti dagli utenti, né del contenuto dei siti ad essi collegati.
Società editrice: Gruppo 4 s.r.l. Codice Fiscale, Partita IVA, Reg. Imp. PD 02709800284 - IT - E.U.
E-mail: informa@spiritual.it