mar, 25 giugno 2024

Glossario de La Dottrina Segreta

Stampa

Torna indietro

Glossario de “La Dottrina Segreta”

ASTRONOMIA

(Ast.) - Tutti i popoli hanno studiato il Sole, la Luna, le stelle, ma le più antiche scoperte astronomiche vere e proprie sono da attribuire ai Babilonesi. Furono loro a dividere il giorno e la notte in 12 ore ciascuno, a distinguere le costellazioni principali, a scoprire il ciclo di 18 anni (saros) circa dopo il quale si rinnovano le eclissi del Sole e della Luna e, forse, anche il sistema sessagesimale, tuttora in uso per la misura del tempo, degli angoli, ecc. Gli Egiziani scoprirono che l'anno solare dura qualcosa di più di 365 giorni e, sembra, usarono i loro obelischi come meridiane giganti. A quell'epoca, circa, risale il raggruppamento dei giorni in settimane. Scarso il contributo degli Ebrei, forse per paura di diventare astrolatri. Molto di più fecero i Greci che poterono avvalersi della geometria e del loro istinto particolarmente versato per le speculazioni scientifiche. Notevole il contributo degli Arabi i quali introdussero termini oggi ancora in uso (Zenit, Nadir, acc.). Grande sviluppo dell'astronomia si registra in Europa durante il Medioevo, nonostante l'avversione della Chiesa di Roma che, nell'intento di imporre i propri dogma, ha sempre contrastato ogni forma di sapere nuovo. Copernico, Galilei, Brahe, Keplero Newton sono nomi che hanno segnato tappe importanti nel sapere umano. Gli antichi la personificarono con la Musa Urania, dandole per attributi principali la sfera, la corona di stelle ed alcuni strumenti matematici. Nel Medioevo fu rappresentata come una donna che aveva in mano una rosa dei venti, o una palla, o un moggio pieno d'acqua sotto al quale sono indicati alcuni astri.