sab, 22 giugno 2024

Glossario de La Dottrina Segreta

Stampa

Torna indietro

Glossario de “La Dottrina Segreta”

ASTROLATRIA

(Gr.) - Adorazione degli astri, culto dei corpi celesti, dal greco aster e latreia. È stato attribuito all'antichità con superficialità e generalizzazioni, almeno fino a quando, nel secolo scorso, attraverso studi seri, furono limitati rigorosamente le identificazioni di autentiche componenti astrali nella simbologia religiosa. È certo che nell'antichità la percezione dell'esistenza degli astri ha partecipato alla genesi emotiva di numerosissime esperienze mitiche. Il simbolismo meteorico, quello solare e quello lunare non era superstizione, ma un collegamento primordiale attraverso il quale l'Essere Supremo uranico andava a collegarsi con l'istituto monarchico, quale depositario ed elargitore delle forze vitali di natura astrale e vegetale. La formula Dio-Re-Albero di Vita, molto ben descritta da Frazer, rappresenta il congiungimento della componente astrale con quella vegetale nella figura del sovrano, e prelude alla accentuazione degli aspetti inferi dell'astro solare (il cui tramonto non è una morte, ma una discesa nel regno dei morti). Il Sole è un'immagine inalterata, uniforme, perennemente identica; la Luna è il simbolo stesso del ritmo, della mutazione e del trascorrere del tempo, e quindi del destino. Per questo motivo le epifanie lunari si sono ben armonizzate con la natura ciclica delle esperienze religiose agrarie. Gli astri talvolta sono eroi, altra fecondatori e demiurghi, altra ancora antenati, capi, re. Le divinità collocate negli astri sono spesso anche divinità delle acque, della vegetazione, della vita e della morte, ecc. con preciso legame all'esistenza umana.