lun, 22 luglio 2024

Glossario de La Dottrina Segreta

Stampa

Torna indietro

Glossario de “La Dottrina Segreta”

ANUBIS

(Eg.) - Il dio dalla testa di cane, identico sotto un certo aspetto ad Horus, era figli di Iside e di Nepthis, sua sorella. È rappresentato in vari modi: come sciacallo sopra il sarcofago o sopra la cappella mortuaria (da cui deriva, forse, la sua testa di cane), oppure con capo di sciacallo o di cane, la faccia ora nera ora dorata, nella mano sinistra il caduceo o il tau, nella mano destra un ramo di palma. È preminentemente il dio che tratta con i disincarnati, o coloro che sono resuscitati nella vita postmortem. Il suo nome egiziano è Anepou. È una divinità psicomantica, 'il Signore della terra Silente dell'Occidente, la terra della Morte, colui che prepara la strada per l'altro mondo'; a lui il morto veniva affidato per essere condotto dinanzi ad Osiride, il Giudice. In breve, egli è l''imbalsamatore' e il 'guardiano dei morti'. Una delle più antiche divinità dello Egitto; Mariette Bey ha trovato l'immagine di questa divinità nelle tombe della Terza Dinastia. Divinità locale della città altoegizia di Kais, era rappresentata come un cane selvatico con un nastro al collo e la sferza a lato. Collegato ad Osiride nel Libro dei Morti, era onorato come dio dei riti funerari. Ma lo si vede rappresentato anche in altro modo (lastre di piombo trovate in una tomba presso Porta Pia nel 1852), con un simbolismo che sembra condurre verso il 'Serpente Vero e Perfetto', il Dio delle Sette Lettere. I Greci lo identificarono con il loro Hermes Psychopompos (conduttore di anime nell'Averno), uno dei cani che vegliano sul gregge celeste (La Sapienza Occulta), od anche Agathodaemon. È stato anche rappresentato come Michele e Giorgio, mentre uccide un Drago con testa e coda di serpente. L'Anubi-Sirio degli Egiziani equivale all'Hermes-Christos degli Gnostici, la Leontoide Michele-Ofiomorfo degli Ofiti.