dom, 21 luglio 2024

Glossario de La Dottrina Segreta

Stampa

Torna indietro

Glossario de “La Dottrina Segreta”

ANIMA

- Psichè dei Greci, Anima dei Latini, Nephesh della Bibbia; il principio vitale o l'alito di vita che ogni animale, perfino la specie inferiore degli infusori, divide con l'uomo. Nella Bibbia tradotta si trova usato indifferentemente per vita, sangue e anima. 'Non uccidiamo il suo nephesh' dice il testo originale. 'Non lo uccidiamo', traducono i Cristiani (Genesi, XXXVII, 21), e così via. Filosoficamente è, in generale, il principio della vita, della sensibilità, delle attività spirituali, poiché costituisce un'entità a sè, o sostanza. Corporea o incorporea, è sempre una realtà a sè, che esiste indipendente dalle altre. Senza di essa le attività spirituali umane rimarrebbero sospese nel nulla ed aleatoria ogni permanenza dei valori connessi a tali attività. Platone la definì così : 'Ogni corpo a cui il muoversi è impresso da fuori è inanimato; ogni corpo che si muove di per sè dal di dentro è animato'. Per Aristotele l'anima è la sostanza del corpo, l''atto finale (entelechia) primo di un corpo che ha la vita in potenza'. Come ogni strumento ha una sua funzione (atto o attività dello strumento), così l'organismo, in quanto strumento, ha la funzione di vivere e pensare : l'atto di questa funzione è l'anima. L'anima non è separabile dal corpo, non ' il corpo, non può esistere senza corpo. Con S.Agostino l'anima viene associata alla coscienza, ma con Cartesio le due cose vengono separate e nasce una rivalità che a tutt'oggi non è stata risolta, anzi si è approfondita. In campo teologico, l'anima è la sostanza spirituale, dotata di intelletto e di volontà, che, insieme al corpo, costituisce l'uomo. La ragione può dimostrarne l'esistenza, la semplicità, la spiritualità, l'immortalità. Esotericamente, il discorso diventa più lungo e complesso. La materia è il veicolo per la manifestazione dell'anima sul nostro piano di esistenza; l'Anima è il veicolo per la manifestazione dello Spirito su un piano più elevato. Per gli Egiziani, l'Anima è immortale, è coeva con il Battello Solare e scompare con esso. Emerge dal Tiaou, il Regno della Causa della Vita, si unisce ai viventi di giorno e ritorna al Tiaou di notte. L'Anima, il cui veicolo fisico è l'involucro astrale, etereo-sostanziale, potrebbe morire anche mentre l'uomo è ancora vivo sulla terra, per varie ragioni : follia, depravazione, ecc. Ogni atomo elementare è un'anima. Nel linguaggio degli Iniziati, atomi ed anime sono sinonimi. Secondo i Cabalisti, tutte le anime passano per il Gilgulah, ovvero passano attraverso il processo ciclico delle rinascite. Per i Cristiani, l'anima è l'alito di Dio, ha un principio e non ha fine. L'insegnamento occulto, però dice che nulla viene creato, tutto è trasformato, ed allora il principio dei Cristiani non risulta ben comprensibile. Per gli Gnostici, l'anima era la Monade, creata dai Governatori astrali delle Sfere, dotando ciascuna di una scintilla della loro sostanza : la Luce divina. Per i Cabalisti, invece, le anime sono emanate dagli Elohim, che appaiono nel triplice aspetto di Monadi (Unità), Atomi e Dei. Questa la corrispondenza :DIO SPIRITO ATMA MONADE MENTE MANAS ATOMO CORPO SHTULA SHARIRA Anche chi considera l'anima umana 'caduta', non può despiritualizzarla, poiché l'anima rimane sempre divina, in quanto sempre collegata con la sua origine. 'Tutte le anime ebbero origine dall'Anima del Tutto, e si sparsero per tutto il (il quarto principio metafisico). Questo principio è la regione di Atma, l'Anima pura, la Spiritualità. Le vite sono innumerevoli, ma l'anima, o spirito, che le anima, attraverso miriadi di esistenze, è lo stesso. I Cabalisti davano all'uomo tre anime: NESHAMAH L'anima più alta, lo Spirito RUACH La sede degli appetiti fisici NEPHESH Il Soffio vitale Gli Egiziani descrivevano sette anime : ANIMA DI SANGUE L'anima formativa ANIMA DEL RESPIRO L'anima che respira