sab, 28 novembre 2020

Per una spiritualità laica e libera. Testamento aperto a Dulcinea

lay and free spirituality
Cari amici, son qui, come al solito, lancia in resta contro i mulini a vento... son rimasto solo, anche Sancho Panza se n'è andato (gli hanno offerto un posto come inserviente alla mensa dell'Opus Dei), pazienza mi rimane ancora Dulcinea ed ho pensato bene di scriverle il testamento che segue, prima della dipartita finale....

"Dulcinea carissima, siamo arrivati ad un "redde rationem", sappi che mi sono affidato a te per la continuazione della lotta per la trasparenza e al laicità, il mio motto è "giustizia e libertà". Ed ora ascolta bene, tu che sei una ragazza sensibile ed intelligente avrai già capito che è in corso un aggiustamento dei meccanismi funzionali della società, sai anche che questi meccanismi non vengono "aggiustati" da quelle che sono ufficialmente le gerarchie apparenti al comando nella società, bensì da pochissimi addetti ai lavori che non figurano in alcuna scala di potere politico economico o religioso.

Eppure l'intelligenza evolutiva, l'inconscio collettivo dell'umanità, utilizza sovente persone, come te e me, per inserire nuove forme pensiero e nuovi paradigmi. Per fungere da catalizzatori sociali queste persone non debbono incarnare alcuna forma di supremazia, autorità o controllo apparente nella società. E tu intuisci perché.... Tutto ciò che è apparente ha solo una funzione apparente mentre ciò che non appare resta sempre come substrato.

Ed ora un piccolo inciso, alla fine il papa ha ufficialmente confermato che "i preti pedofili debbono essere giudicati dagli organi di giustizia degli stati nei quali hanno commesso abusi", forse questo è stato un segnale di onestà e pulizia vaticana, come una volontà emendatrice ed un riconoscimento di buona volontà, in superficie. In verità è stato ammesso dal papa che egli sta governando una istituzione marcia in cui il malcostume, l'immoralità, l'ipocrisia e l'economia celata e sporca hanno preso il sopravvento totale sulla religione, infatti, malgrado i tentativi sinora portati avanti di nascondere il marciume e la puzza, sono venuti fuori incontestabilmente i fatti e le menzogne raccontate.

Son duemila anni che questo marciume e questa puzza si accumulano, e quanti morti e quante umiliazioni la chiesa ha causato all'umanità in tutti questi secoli?

Finalmente è stato indirettamente ammesso che tutto ciò è avvenuto. Giacché non poteva succedere che i preti diventassero pedofili, così dall'oggi al domani, poteva succedere solo se il marciume era radicato e consentito nei secoli, come non poteva essere che lo IOR e il Vaticano organizzassero loschi affari politico-economici se non ci fosse stata prima nella chiesa la vendita delle indulgenze, le crociate, i roghi per eretici e streghe e tutto il resto.

Insomma la storia della "stola dorata" bellissima era solo una bufala ed un imbroglio e tutti ora possono vedere che il papa è nudo, ma chi ha il coraggio di dirlo apertamente? Non gli abbienti ed i potenti, no... Solo un bambino, nella sua innocenza e nella sua naturalezza può dirlo, facendo scappare a gambe levate il papa e tutti i suoi alti prelati.

Tu, cara Dulcinea, mi dirai "perché te la prendi con il papa e non con i potentati economici e finanziari che oggi comandano il mondo?" Il fatto è che prima di tutto bisogna scardinare l'ipocrisia di chi intende incarnare una autorevolezza morale nella società e poi la struttura che sta attorno a quella ipocrisia crolla per conto suo...

Il vaticano è tutt'ora il più grosso centro di potere, basato sulla religione, molto più compatto di qualsiasi altro potere, giacché la chiesa è una struttura chiusa in se stessa (una mafia pura) e gerarchicamente organizzata, essa è una piramide che parte da una base popolare di brava gente ignorante e spaurita sino all'apice della nefandezza morale. Nessun altro gruppo è così ben organizzato, né la cupola sionista, né i gruppi musulmani, né i capitalisti americani, né la comunità europea, la Russia o la Cina, insomma nessuna altra struttura è così capillare e così unita e finalizzata al controllo delle masse.

Tu Dulcinea -ma anche gli altri che leggono e ragionano con la loro testa- avrai ora indovinato che in questo momento storico è in gioco il futuro dell'umanità. Alcuni Masanielli purtroppo ritengono di voler fare una parte nel cambiamento epocale per motivi speculativi, traendone un vantaggio di ritorno di immagine, gloria, potere, riconoscimenti, etc... ma non è a loro che mi rivolgo in questo momento, mi rivolgo a te che sei modestamente al tuo posto facendo del tuo meglio nel possibile per esprimere giustizia e libertà. Siccome non sei una sola persona continuerò comunque a chiamarti Dulcinea.

Tuo affezionato Don Chisciotte (alias Paolo D'Arpini)


Postfazione con spiegazione: "Ho una mia visione sincretica dell'intelligenza umana e ritengo che agire ed intervenire sui mali correnti delle religioni, come pure del pensiero materialista, sia utile e necessario per l'evoluzione della nostra specie. Ho notato che esistono forti preclusioni all'intelligenza laica (cioè all'accettazione del libero pensiero nelle sue varie sfaccettature) sia in campo ateo che in quello religioso, ma lascio da parte il campo ateo giacché non influisce molto sulla società mentre voglio continuare a indicare il male religioso come il più virulento. Non so se in Italia sarà così facile scardinare un "potere" che non è solo religioso ma economico e politico.

Qui siamo sfavoriti contro nemici ben difesi da un numero assurdo di credenti, alcuni sono in buona fede altri temono l'inferno.... altri sono semplicemente furbi. *Insomma per contenere l'ingerenza vaticana -secondo me- occorre provocare i caporioni sul loro stesso piano (quello spirituale), attirarli fuori dalle mura del dogma e colpirli uno ad uno appena escono. A meno che, a meno che la "deflagrazione" non avvenga all'interno della chiesa stessa il che porterebbe ad una contemporanea caduta dell'influenza politica economica del vaticano, forse addirittura alla sua bancarotta. Ma finché le truppe vaticane sono unite ed arroccate sulla menzogna e sul potere mafioso interno sarà dura scardinare la fortezza, c'è sempre qualche Pietro Micca pronto a sacrificarsi... Di fronte a tanti "matti" serve solo la discriminazione ed il distacco, una partita a scacchi del pensiero. Non lasciamoci prendere dalla foga, non reagiamo gettando il bambino assieme all'acqua calda, usiamo discernimento: va bene cancellare l'ignoranza, le religioni e le ideologie ma non cancelliamo lo spirito dell'uomo, il suo cuore.... (Paolo D'Arpini)

Scheda dettagli:

Data: 16 novembre 2020Autore: Paolo D'Arpini
Fonte/Casa Editrice: Paolo D’Arpini - spiritolaico@gmail.com

Commenti:

Profilo Pubblico di:

Paolo D’Arpini - Circolo vegetariano VV.TT.

Nella mia vita non ho mai avuto un dono spiccato per la modestia, ho sempre considerato me stesso e la mia opera come un degno percorso evolutivo. Abitando a Verona avevo già collaborato, nel 1967-68, ad una rivista locale che si chiamava Verona Beat, un cult tipico di quegli anni, ebbi la fortuna…

Vegetariani
Appuntamenti e corsi:0
Siti web:0
Video:0
Pubblicazioni:358

Dello stesso autore: 

© 1998-2020 Spiritual - Tutti i diritti sono riservati. Spiritual® e Spiritual Search® sono marchi registrati. La riproduzione anche parziale dei contenuti di Spiritual è vietata. Spiritual non è in alcun modo responsabile dei contenuti inseriti dagli utenti, né del contenuto dei siti ad essi collegati.
Società editrice: Gruppo 4 s.r.l. Codice Fiscale, Partita IVA, Reg. Imp. PD 02709800284 - IT - E.U.
E-mail: informa@spiritual.it