mer, 12 maggio 2021

Notizie

La vitamina del sole

a26.3.21.jpg
Ultimamente la vitamina D è stata collegata alla resistenza al covid-19. E’ certo che la sua presenza nel nostro organismo può prevenire malattie come depressione, diabete, cancro e problemi cardiaci. Un bel po’ di buone ragioni per assumerla. Ma come?
La vitamina D è spesso chiamata la vitamina del sole, perché è proprio la luce solare una delle sue fonti migliori. La pelle contiene un tipo di colesterolo che funziona da precursore della vitamina D. Quando viene esposto alle radiazioni solari UV-B, si trasforma nella vitamina. Inoltre, la vitamina D derivata dall’esposizione solare può rimanere in circolazione nel corpo molto più a lungo di quella derivata dal cibo o dai supplementi.
Il pesce grasso e i molluschi sono tra le sue fonti più ricche. La vitamina D si può trovare in tonno, sgombro, ostriche, gamberi, sardine. Anche il semplice tuorlo d’uovo ne contiene. In ogni caso ricorrere a dei supplementi può essere un modo sicuro per assumerne una quantità adeguata.
La maggior parte delle fonti o dei supplementi di vitamina D tuttavia è di origine animale, non adatta ai vegani. Ma ne esistono delle varianti anche per loro: la vitamina D2 infatti è di origine vegetale, e i supplementi sono quindi vegan-friendly e anche molto facili da trovare. La vitamina D3 vegetale è meno comune ma può essere ricavata dai licheni.

Photo: SN

Scheda dettagli:

Data: 26 marzo 2021
Fonte/Casa Editrice: Spiritual News

Commenti:

© 1998-2021 Spiritual - Tutti i diritti sono riservati. Spiritual® e Spiritual Search® sono marchi registrati. La riproduzione anche parziale dei contenuti di Spiritual è vietata. Spiritual non è in alcun modo responsabile dei contenuti inseriti dagli utenti, né del contenuto dei siti ad essi collegati.
Società editrice: Gruppo 4 s.r.l. Codice Fiscale, Partita IVA, Reg. Imp. PD 02709800284 - IT - E.U.
E-mail: informa@spiritual.it