sab, 17 novembre 2018

Notizie

I benefici dei mondi immaginari

a9.11.18.jpg
Secondo i ricercatori solo il 17% dei bambini crea un proprio mondo immaginario. Un paracosmo, secondo la definizione degli scienziati.
Un nuovo studio sul comportamento infantile di creare mondi immaginari paralleli ha scoperto che i bambini che hanno familiarità con il paracosmo mostrano livelli di creatività fuori della media. In particolare, questi bambini presentano una capacità maggiore di pensiero open-ended, senza pregiudizi di partenza. Ma questa dote ha una contropartita: i più creativi infatti fanno fatica a eseguire compiti di autocontrollo inibitivo, che è un modo per dire che fanno particolarmente fatica a concentrare la loro attenzione su un soggetto.
In realtà non si tratta di una cosa poi così negativa: creatività e inibizione volontaria si trovano infatti ai poli opposti dello spettro. Essere molto bravi in uno dei due abbassa il livello dell’altro. Questo è quanto ci viene suggerito dallo studio.
Una delle sorprese della ricerca è stata la scoperta che molti di questi bambini creativi non sviluppano i loro mondi in solitudine ma tendono a condividerli o addirittura a crearli in collaborazione.

Photo: Spiritual

Scheda dettagli:

Data: 9 novembre 2018
Fonte/Casa Editrice: Spiritual News

Commenti:

© 1998-2018 Spiritual - Tutti i diritti sono riservati. Spiritual® e Spiritual Search® sono marchi registrati. La riproduzione anche parziale dei contenuti di Spiritual è vietata. Spiritual non è in alcun modo responsabile dei contenuti inseriti dagli utenti, né del contenuto dei siti ad essi collegati.
Società editrice: Gruppo 4 s.r.l. Codice Fiscale, Partita IVA, Reg. Imp. PD 02709800284 - IT - E.U.
E-mail: informa@spiritual.it